Nuovo articolo horror nella sezione Arte!

Vanità fatale: avete mai notato quanto molte opere d’arte ci ricordino (in modo assai meno divertente rispetto al “Ricordati che devi morire” “Sì sì, mo’ me lo segno” di Troisi in Non ci resta che piangere) che la bellezza e la giovinezza sono estremamente caduche e che presto lasceranno il posto ai nostri resti ossei? Il nostro Alessio Costarelli ci lancia un memento mori con il suo ultimo post nella sezione Arte, il primo della nostra maratona del 2 Novembre.

Eccovi un estratto dell’articolo:

Tuttavia, ben presto la spregiudicata e vulcanica fantasia barocca ebbe il sopravvento su qualunque composta riserva tardo cinquecentesca: le nature morte sulla vanità si arricchirono di un tripudio di gioielli, tiare, corone, statue, argenterie, stoffe pregiate e svariati altri articoli di lusso relegando in secondo piano, su di un angolo in alto, il teschio ammonitore di tutta questa ricchezza in un’epoca di carestie e crisi economica dovute in gran parte a sanguinose guerre di potere […] – o si prestarono a sottili ed allusivi giochi allegorici sul tema del tempo […].

Divertitevi finchè dura, e seguiteci su Clamm!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...