Nuovo articolo nella sezione Cinema!

La nostra autrice Lady Lindy (volete leggere il suo blog personale? Cliccate qui!) ci presenta un personaggio che tutti conosciamo.. ma sarà poi così? O la maliziosa Betty Boop ci nasconde ancora qualche segreto, sotto la sua giarrettiera?

Ecco qui un estratto del post:

Questo continuo gioco fra implicito ed esplicito è ben rappresentato nel cartone più famoso intitolato Minnie The Moocher, ispirato sia nel titolo che nella trama al’omonima canzone di Cab Calloway. L’adolescente Betty vive un contrasto con i genitori dalla mentalità chiusa e antica, perciò fugge di casa nella notte, trovandosi ad affrontare vari pericoli rappresentati da spettri, fantasmi e visioni di morte. Lei, spaventata, se ne ritornerà pentita alla casa paterna come voleva la morale dell’epoca, ma l’innovazione del cortometraggio è assolutamente evidente. Il doppio piano di lettura serviva anche ad evitare una prevedibilissima censura: il pubblico più conservatore non poteva fare a meno di scandalizzarsi davanti ad una danza hawaiiana come quella del cortometraggio Bamboo Isle (forse ispirata alla banana dance di Joséphine Baker), o alle frequenti avances maschili, se non proprio tentativi di molestie sessuali, che Betty riceveva.

Venite a leggere il resto del post su Clamm!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...